Prima e dopo il Covid19

Il coronavirus non ci cambierà, possiamo starne certi. E non lo farà per il banalissimo motivo che l’ha già fatto e continuerà a farlo. Come lab121 vogliamo cercare di capire qualcosa in più degli effetti di questa pandemia sulle abitudini e comportamenti delle persone per arrivare a comporre un pacchetto di “buone pratiche” , diciamo così, che ci possa guidare nel nuovo mondo che ci attende. Con o senza coronavirus.

Se ti va, rispondi alle domande e scopri le risposte ricevute fino ad ora

partecipa all'indagine, rispondi alle 2 domande!

Scopri le risposte ricevute fino ad ora

il report delle risposte alle nostre due domande

In quanti hanno risposto

0
risposte
campione indagine dal 28 marzo al 14 aprile

Composizione per età

tra i 16 e i 20 anni4.3%
4.3%
tra i 20 e i 30 anni6.5%
6.5%
tra i 30 e i 40 anni17.4%
17.4%
tra i 40 e i 50 anni39.1%
39.1%
tra i 50 e i 60 anni15.2%
15.2%
più di 60 anni17.4%
17.4%
(età: % su risposte totali)

Area geografica

Sconosciuta

(perché non richiesta: ragionevolmente Italia, con prevalenza sulla provincia di Alessandria)

In quali ambiti della vita avverranno i maggiori cambiamenti delle nostre abitudini?

Risultato aggregato sul totale delle risposte alle due domande
cura per sé stessi59.2%
59.2%
rapporto con gli altri12.7%
12.7%
stili di vita16.3%
16.3%
formazione e lavoro11.8%
11.8%

Tre cose che (ho iniziato a fare durante l'emergenza) farò anche dopo

In quali ambiti della nostra vita abbiamo scoperto opportunità e comportamenti che non conoscevamo o non praticavamo abbastanza?

Risultato aggregato sul totale delle risposte alla domanda "Tre cose che (ho iniziato a fare durante l'emergenza) farò anche dopo".
  • cura per sè stessi: 59.5%
  • rapporto con gli altri: 17.6 %
  • formazione e lavoro: 13%
  • stili di vita: 9.9 %

Quali sono i cambiamenti più importanti che intendiamo mantenere dopo l'emergenza?

Cura per se stessi: 59.5%

maggiore attenzione per se stessi6.9%
6.9%
benessere spirituale13%
13%
tenere la casa in ordine3.1%
3.1%
più cultura (più libri)6.1%
6.1%
più tempo agli hobby1.5%
1.5%
alimentazione più sana11.5%
11.5%
benessere fisico7.6%
7.6%
attenzione all’igiene personale e dei luoghi frequentati9.9%
9.9%

Rapporti con gli altri: 17.6%

più tempo e attenzioni verso la famiglia6.9%
6.9%
compiere azioni solidali3.1%
3.1%
maggiore cura dei rapporti con gli amici (vicini e lontani)3.1%
3.1%

Formazione e lavoro: 13%

curare l’aggiornamento professionale3.1%
3.1%
soluzioni di smartworking8.4%
8.4%
aumentare l’impegno nel lavoro1.5%
1.5%

Stili di vita: 9.9%

preferire acquisti da botteghe e cirquiti a km03.8%
3.8%
comportamenti più ecologici (es. minor uso dell’auto)2.3%
2.3%
utilizzare maggiormente la tecnologia3.8%
3.8%

Tre cose che (facevo abitualmente prima dell'emergenza) non farò più dopo.

In quali ambiti della nostra vita intendiamo correggere comportamenti e abitudini a cui non prestavamo sufficiente attenzione o che ci siamo concessi con troppa facilità?

Risultato aggregato sul totale delle risposte alla domanda "Tre cose che (facevo abitualmente prima dell'emergenza) non farò più dopo
  • cura per sè stessi: 58.8%
  • stili di vita: 23.7
  • formazione e lavoro: 10.5%
  • rapporto con gli altri: 7 %

Quali sono i comportamenti che intendiamo correggere dopo l'emergenza?

Cura per se stessi: 58.8%

poca attenzione per se stessi14%
14%
trovare giustificazioni per rimandare gli impegni26.4%
26.4%
poca attenzione all’igiene e alla salute personale18.4%
18.4%

Stili di vita: 23.7%

utilizzare mezzi di trasporto inquinanti e non rinunciare a spostamenti non necessari8.8%
8.8%
acquistare e consumare senza informazioni su provenienza e filiera produttiva14%
14%
utilizzare troppo (e male) internet0.9%
0.9%

Formazione e lavoro: 10.5%

dedicare troppo tempo e importanza al lavoro9.6%
9.6%
dare poca importanza alla formazione e alla cultura0.9%
0.9%

Rapporti con gli altri: 7%

poca attenzione ai valori sociali e solidali3.4%
3.4%
non prendersi cura dei rapporti famigliari1.8%
1.8%
atteggiamento poco rispettoso verso gli altri1.8%
1.8%

A cosa stiamo pensando?

Ecco tre aspetti che potrebbero aver colpito anche te leggendo i risultati dell'indagine.

ME
STESSO

In tempi di distanziamento sociale, nel 60% dei casi le persone hanno risposto pensando innanzitutto alla propria persona.

FAMIGLIA & AMICI

In un momento di lontananza forzata dal lavoro, una persona su cinque (nella prima domanda) ha riscoperto il piacere della vicinanza con familiari e amici.

IMPATTO AMBIENTALE

Una persona su quattro (nella seconda domanda) intende correggere i propri comportamenti verso un minor impatto sociale e ambientale, in particolare cambiando abitudini di consumo e mobilità.

Menu