Gagliaudo nel Borgo

A rigor di dizionario non lo si può certo definire l’eroe eponimo della città, ma è indubbio che per tutti gli Alessandrini, originari o acquisiti che siano, Gagliaudo Aulari rappresenta qualcosa in più di una semplice leggenda: è l’incarnazione di un certo spirito della città, della sua ingegnosità e determinazione, oltre che di un certo understatement che l’accompagna dalla fondazione ai nostri giorni.
Il contadino dalle “scarpe grosse e il cervello fino” torna così protagonista, come ogni settembre da 16 anni a questa parte, del prossimo weekend con la manifestazione “Gagliaudo tra i mercanti” che per l’occasione cessa di essere una semplice edizione commerciale e sconfina nel mondo del lavoro, della cultura e della formazione. E sconfina, tracima anche fisicamente: Gagliaudo coinvolgerà infatti anche le zone di Borgo Rovereto con tante attività tra Via Verona, Via Volturno e Piazza Santa Maria di Castello, che per due giorni saranno la culla dello street food e dell’artigianato.
E il lab121 non poteva mancare. In partnership con l’Amministrazione Comunale il lab121 ha immaginato il Borgo che verrà: un luogo dove passato e futuro si incontrano, dove l’artigianato tradizionale va a braccetto con le nuove professioni dei designer e dei creativi digitali. Dove alla bottega artigiana si affianca un FabLab. E che guarda al futuro: grazie alla collaborazione con l’azienda Selltek si svolgerà presso il Chiostro di Santa Maria di Castello un laboratorio di stampa 3D per bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie. Perché non è mai troppo presto per imparare. Siamo sicuri che anche Gagliaudo approverebbe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu