La proposta associativa di Paola per una nuova cultura del vestire

Associarsi per lavorare meglio è diventata quasi un’esigenza e lab121 ne è la dimostrazione più evidente.

Ciò vale maggiormente per quei settori come, nello specifico, quello della moda che soffrono nel nostro paese di una sorta di “dispersione” di energie e soprattutto di talenti.

Paradossalmente proprio in un campo considerato una delle eccellenze italiane è oggi estremamente difficile operare, avere visibilità e, soprattutto, proporre prodotti alternativi al “business” delle grandi aziende.

Alla luce di questa considerazione di fondo la  formula associativa sembra essere il canale più efficace per dare visibilità agli operatori del settore (a tutti i livelli) e  per  mettere in contatto le professionalità indotte dal settore: immagine, marketing, comunicazione,   packaging, consulenza fiscale, etc.

Ma anche per creare una nuova cultura del vestire.

ago

L’associazione che ho in mente è proprio questo.
Un luogo (sia fisico che virtuale) in cui le persone che a diverso livello e titolo (non solo professionale, ma anche amatoriale) hanno interesse per la moda possano  incontrarsi, collaborare, scambiare informazioni ed esperienze,  informarsi, stabilire collaborazioni ed insieme, impegnarsi  sia per creare nuovi canali lavorativi, sia per diffondere e sostenere un approccio consapevole e critico al prodotto tessile e, più in generale, al fashion business.

Paola Corbella Estienne paolaestienne@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu